MUSEO STATALE HERMITAGE (Gosudarstvennyj Muzej Ėrmitaž)

Fiore all’occhiello dei musei russi, l’Hermitage di San Pietroburgo vanta una delle più importanti e più antiche collezioni d’arte del mondo, più di tre milioni di capolavori che spaziano dalla preistoria alla modernità e abbracciano tutte le più significative scuole europee dalla fine del XIV al XX secolo, scelta verso la quale si orientarono gli zar e i collezionisti. L’arte preistorica, l’arte egizia e le antichità classiche sono ben rappresentate, così come l’arte orientale. Grandi i nomi dell’arte, dal Rinascimento, al neoclassicismo, fino all’Impressionismo e al Post-impressionismo: Botticelli, Perugino, Leonardo da Vinci, Giorgione, Tiziano, Veronese, Tintoretto, Tiepolo, Michelangelo Buonarroti, Velázquez, Goya, El Greco, Antonio Canova, Monet, Renoir, Gauguin, Van Gogh, Pissarro, Cezanne, Sisley, Rousseau, Degas, Matisse, Derain, Picasso, Kandinskji e Malevich, solo per citarne alcuni.

Da non perdere…
“La stanza rossa” di Matisse
“Suonatore di Liuto” di Caravaggio
“Madonna Benois” di Leonardo da Vinci
“Composizione VI” di Kandinskij
“Ritorno del Figliol Prodigo” di Rembrandt
• “Casa Bianca di Notte” di Van Gogh
• “Orologio del Pavone” di James Cox
• la collezione di arte fiamminga e olandese del periodo barocco, una delle più vaste al mondo, i cui protagonisti sono Van Dyck, Rubens, Rembrandt e Brueghel il Vecchio

 Curiosità
• la raccolta ebbe inizio con Pietro il Grande, ma a dare maggiore impulso fu Caterina II la Grande, una delle più grandi collezioniste d’arte di tutti i tempi, nonché astuta donna di affari. Il più grosso incremento avvenne comunque nel periodo post-rivoluzionario, quando le collezioni private di tutta la Russia vennero requisite e il patrimonio di opere incrementò notevolmente il suo valore.
• se doveste incontrare dei gatti, non preoccupatevi…sono i “gatti dell’Hermitage”! I gatti abitano nel museo fin dai tempi dello zar Pietro il Grande, anche se fu con l’imperatrice Caterina la Grande che  assunsero il compito di guardiani, con il delicato compito di proteggere le opere dai topi
• Per contenere l’immenso patrimonio del museo sono state istituite altre sedi, a Kazan e Viborg sempre in Russia, a Londra, Amsterdam, Las Vegas e, ultima in ordine di apertura, a Venezia 

 

 

DOVE

Russia, San Pietroburgo

St Petersburg, Dvortsovaya Naberezhnaya (Embankment), 34

 

SITO UFFICIALE

www.hermitagemuseum.org

 

SOCIAL

         

 

VIRTUAL TOUR 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *